La saletta montiana: 

 
 

allestita nel 1928 in occasione del primo centenario della morte del poeta, costituisce il primo nucleo del Museo Montiano. Decorata dal pittore alfonsinese Marcello Mariani, presenta lungo le pareti una serie di festoni, all’interno dei quali sono contenuti i titoli delle principali opere montiane, mentre nel soffitto spiccano le parole che compongono l’epitaffio funebre scritto dal Manzoni. 

Al centro della stanza spicca, oggi come nel 1928, il prezioso busto marmoreo realizzato da Cincinnato Baruzzi, allievo prediletto del Canova,  riconosciuto dalla stessa figlia del poeta come l’opera più confacente alle vere sembianze del padre. 

Se le decorazioni, i cimeli ed i mobili sono ancora quelli del tempo, di recente acquisizione sono invece alcuni autografi del Monti e della figlia Costanza, che contribuiscono ad arricchire il patrimonio del museo.