Purismo  

Teoria linguistica secondo la quale la salvezza della lingua italiana, della poesia e della prosa nella restaurazione del linguaggio dei "buoni scrittori del Trecento". Per scrivere e parlare bene è necessario - secondo i puristi - abbeverarsi alle finti della lingua di Dante, Petrarca e Boccaccio. Una curiosità: contrariamente a quanto si crede, il purismo ha le sue origini verso la fine del Seicento in Francia con La Bruyère e passato poi in Italia col Dizionario dell’Antonini pubblicato nel 1735.